LA MOSTRA
A difesa della repubblica romana
Patrioti in esilio
L'esilio negli Stati Uniti
L'esilio a Londra
- La durezza della lontananza
- Pubbliche lezioni
- Polemiche inglesi
- Invenzioni in Inghilterra
- Inventare il futuro
Miranda
Il rientro in Italia
Professore dell'infinito
La morte
Enrica Gotti Filopanti
MATERIALI DI LAVORO
Opere a stampa di Filopanti
Manoscritti di Filopanti nei fondi dell'Archiginnasio
Bio-bibliografia
Filopanti nel web
Testimonianze letterarie
Le invenzioni
DOCUMENTAZIONE MOSTRA 2012
Foto e filmati
Cartella stampa
Pieghevole e manifesto
Altre iniziative
 

L'esilio a Londra | Pubbliche lezioni

 


 


Anche in Inghilterra, così come aveva già fatto negli Stati Uniti, Filopanti per mantenersi si mise a organizzare lezioni e pubbliche letture su vari argomenti. Molto seguite, nel giugno del 1853, furono le sue conferenze sulla storia romana.

Da «The Literary Gazette» di Londra, del 28 maggio 1853: «Un corso di tre lezioni sarà presentato alla Willis’s Rooms, con inizio alle ore due in punto, i lunedì 13, 20 e 27 giugno 1853, sulle Segrete tradizioni di Roma, in confutazione di Niebhur, dal professor Filopanti, già membro dell’Assemblea Costituente Romana. Biglietto, 2 s.; Posti riservati 4 s.; idem, per il corso completo, 10 s.».

A ridosso del primo appuntamento, anche «The Daily News» del 13 giugno 1853 diffuse la notizia: «La prima conferenza del professor Filopanti sulle tradizioni segrete nell’antica Roma, e in rivendicazione della sua storia delle origini contro Niebuhr, sarà presentata martedì, alle due del pomeriggio, alla Willis’s Rooms. Posti riservati 4 s. Non riservati, 2 s. Argomenti: Il fondatore – Rea Silvia – Il loro matrimonio nella grotta di Marte – I gemelli – La lupa – Acca Larenzia – La sepoltura della vestale e la fuga – Possibilità di queste tradizioni – Società segrete antiche e moderne – Il sodalizio romano – Massoneria».
Il giorno successivo, 14 giugno, sempre su «The Daily News», apparve un resoconto della prima conferenza: «Ieri il professor Filopanti ha tenuto la prima di una serie di conferenze alla Willis’s Rooms di King Street, presso St. James, sulle tradizioni segrete di Roma. [...] La conferenza fu ascoltata con davvero tanta attenzione».

Nei giorni successivi, la notizia sulle lezioni di Filopanti fu ripresa e rilanciata da tanti altri giornali inglesi. Una cronaca molto particolareggiata di questa prima conferenza apparve su «The Literary Gazette» del 18 giugno 1853: «All’inizio della sua trattazione il signor Filopanti ha annunciato, con una serietà misteriosa, di essere in possesso di testimonianze non ancora pubblicate, ma tramandate agli uomini di oggi dalle più remote antichità e conservate da quelle società segrete che sono sopravvissute attraverso le varie epoche. [...] Aggiungiamo solamente che il Professore ha tenuto la sua conferenza in inglese con grande spirito e animazione».
«The Literary Gazette» pubblicò i resoconti anche delle altre conferenze tenute da Filopanti.

Lo storico tedesco Barthold Georg Niebuhr (1776-1831) era stato autore di un’opera fondamentale sull’antica Roma, la Römische Geschichte, con la quale aveva posto le basi della storiografia critica di Roma. Con lui era nato il metodo filologico-critico, con il quale aveva sostituito una narrazione storica al racconto leggendario delle origini. Filopanti, nelle sue conferenze, contestò proprio questa impostazione storica.


Disegno raffigurante l’edificio che ospitava le Willis’s Rooms. L’edificio, meglio conosciuto come Almack’s Assembly Rooms, ospitava un club misto, sia per uomini che per donne al quale potevano partecipare appartenenti a tutte le classi sociali. Aperto nel 1765, il club si trovava in King Street, vicino al St. James Theatre.

 

 

Biblioteca dell'Archiginnasio > Archiweb - Raccolte digitali > Mostre in rete
Credits | Data di creazione: novembre 2012 | Informativa sui cookie
I testi e le immagini sono riproducibili per uso personale e a scopo didattico e di ricerca, a condizione che venga citata la fonte. Non è consentito alcun uso a scopo commerciale o di lucro.