LA MOSTRA
A difesa della repubblica romana
Patrioti in esilio
L'esilio negli Stati Uniti
L'esilio a Londra
Miranda
- Miranda!
- Souls, Numbers, Stars
- I fusi orari
- 1858 o 1859?
Il rientro in Italia
Professore dell'infinito
La morte
Enrica Gotti Filopanti
MATERIALI DI LAVORO
Opere a stampa di Filopanti
Manoscritti di Filopanti nei fondi dell'Archiginnasio
Bio-bibliografia
Filopanti nel web
Testimonianze letterarie
Le invenzioni
DOCUMENTAZIONE MOSTRA 2012
Foto e filmati
Cartella stampa
Pieghevole e manifesto
Altre iniziative
 

Miranda! | Souls, Numbers, Stars

 


 


Miranda! è strutturata in brevi paragrafi, numerati progressivamente ed è divisa in tre parti: Souls, Numbers comprese nel primo volume e Stars oggetto del terzo.
La prima, composta da 626 paragrafi, riprende la tradizione biblica ed enuncia i dogmi della nuova religione.
La seconda si occupa delle armonie dei numeri riscontrabili nelle date più importanti della storia dell’Umanità, mentre la terza individua nelle distanze e nelle configurazioni dei corpi celesti la trama del grande disegno divino dell’Universo.


Souls
Filopanti, seguace della tradizione pitagorica, crede nella trasmigrazione delle anime: nelle successive reincarnazioni, l’Umanità nel suo complesso segue un cammino che la conduce progressivamente verso il bene. Per definire le reincarnazioni Filopanti usa il termine sanscrito Avatar. Questa parte del testo segue gli Avatar dei personaggi biblici fino all’epoca contemporanea ed in particolare di Emanuele (che in ebraico significa “Dio è con Noi”), la personificazione di Cristo. Prima e dopo Cristo, le incarnazioni di Emanuele sono state 49, tra queste: Adamo, Pan, Romolo, Budda, Pitagora, Confucio, Archimede, Cesare, Maometto, Dante, Gutenberg, Galileo, Newton e Washington. Si tratta di uomini politici, scienziati e fondatori di religioni, tutti ambiti nei quali è attivo Filopanti: egli stesso sarebbe la quarantanovesima e ultima, reincarnazione di Emanuele.
La sua missione è enunciata nel paragrafo 579: «Nella sua quarantanovesima e ultima incarnazione, Emanuele è venuto per concentrare gli oggetti separati da tutti gli altri, per raccogliere le nazioni disperse e per unirle in una famiglia con l’amore di Dio, dell’Umanità e della Verità».
Oltre alla linea di reincarnazione di Emanuele, Filopanti ne stabilisce delle altre e, sulla base di arditi parallelismi e delle più arbitrarie coincidenze, definisce, ad esempio, una linea fra Prometeo, Miliziade, Gengiskan e Wellington o fra la moglie di Isacco Rebecca, Penelope, Voltaire e l’autrice del romanzo La capanna dello zio Tom. Vi è anche una linea dedicata alla moglie Enrica (593) che comprende Anna Comnena e Gemma, la moglie di Dante e una che, da Beemoth attraverso Serse e Carlo Borbone, porta allo storico Barthold Georg Niebuhr, le cui tesi storiografiche erano aspramente contestate da Filopanti nelle sue conferenze.
La teoria delle reincarnazioni di Emanuele verrà esposta anche nelle sue pubblicazioni successive come, ad esempio ne l'Universo (L'universo. Lezioni popolari di filosofia enciclopedica e particolarmente di astronomia date nelle principali citta d'Italia da Quirico Filopanti, Bologna, Stabilimento tipografico di G. Monti, 1871, v. 1, p. 211).

Numbers
La seconda parte di Miranda! che si apre con la riaffermazione della divina ispirazione della sua stesura, è dedicata alle coincidenze numerologiche che si trovano sia nelle date della Bibbia, nei principali calendari adottati dai diversi popoli, nelle principali opere letterarie e nelle più significative date della storia umana. Attraverso calcoli particolarmente complessi Filopanti crede di scorgere fra numeri e date quelle che lui chiama Isemerie, cioè divine coincidenze che dimostrano come certi numeri ricorrano più degli altri negli eventi e nelle situazioni significative: a queste cifre Filopanti dà il nome di numeri sibillini.
Fra le date più significative non può mancare l’8 agosto: in questo giorno Bologna divenne colonia romana, in questa data nel 1848 i suoi concittadini si ribellarono eroicamente agli austriaci e, l’anno dopo, venne fucilato il patriota Ugo Bassi proprio mentre lo stesso Filopanti prendeva la via dell’esilio. Infine, a questa stessa data Filopanti attribuisce anche altri avvenimenti più o meno mitici.


Stars
«La terza parte, o Stelle, propone le prove astronomiche di tre grandi fatti. Primo, che l’intero Cosmo, comprendendo il Sole con i suoi pianeti e le comete, insieme con tutte le stelle fisse visibili, sia ad occhio nudo che con il telescopio, è opera di Dio: secondo che questo pianeta è, non solo ai nostri stessi occhi, ma anche nei piani del Creatore, una delle più importanti unità tra questa vasta congerie di globi: e per ultimo che Miranda è la principale rivelazione di Dio. Che il nostro sistema solare sia un punto privilegiato al centro dell’Universo stellato, è dimostrato dal fatto che questo è il vertice comune di un grande numero di coni e piramidi equiangolari, determinato dalla posizione delle stelle più luminose del Cielo, così come il punto di intersezione di moltissimi pianeti i quali sono molto notevoli; per uno di loro è il piano del grande nello della via Lattea, racchiudendo i cieli tutto intorno, e ognuno degli altri pianeti è formato da un notevole numero delle stelle più luminose, poste sulla volta celeste per tutta la periferia di un grande cerchio della sfera, in un modo così evidentemente artificiale che il senso comune può facilmente e certamente comprendere, e il calcolo delle probabilità dimostrare, che le figure e le posizioni di quegli asterismi non possono intendersi casuali».
Nella terza parte dunque le armonie dei numeri vengono lette nelle posizioni e nei movimenti dei corpi celesti. L’Universo diventa l’approdo di tutto il libro e l’astronomia la scienza più indicata per leggere il disegno del Creatore. Come scrive Andrea Battistini: «la portata infinita dell’Universo e delle sue corrispondenze sono accertabili anche in altre discipline, ma, per la consueta propensione a ragionare su parametri di massima dimensione la scelta si è appuntata sull’astronomia.


Le relazioni rilevate fra le posizioni dei vari corpi celesti sono chiamate Geuranie e secondo la tesi esposta in Miranda! testimoniano il piano divino e la centralità della terra. Ma Filopanti vuole anche affermare il legame fra il destino degli uomini e le relazioni fra i pianeti proponendo di rinominare le costellazioni con i nomi dei principali personaggi storici in un sistema che avrebbe avuto il vantaggio pratico di permettere di memorizzare meglio la storia.
Filopanti riteneva che la sua teoria sulle Geuranie avesse un incontestabile valore, scientificamente provato, valido anche per coloro che non condividevano le tesi filosofiche espresse in Miranda! e combatterà aspramente con il mondo accademico che contesterà questa convinzione.

 

Biblioteca dell'Archiginnasio > Archiweb - Raccolte digitali > Mostre in rete
Credits | Data di creazione: novembre 2012 | Informativa sui cookie
I testi e le immagini sono riproducibili per uso personale e a scopo didattico e di ricerca, a condizione che venga citata la fonte. Non è consentito alcun uso a scopo commerciale o di lucro.