Prima del 1909. Gaspare Ungarelli e l’apertura serale dell’Archiginnasio
1° luglio 1909. Albano Sorbelli e l'inaugurazione della Biblioteca Popolare
1909-1929. I primi vent’anni della Biblioteca Popolare
La Casa del Fascio di Bologna e la sua Biblioteca
1929-1944. I destini incrociati della Biblioteca della Casa del Fascio e della Biblioteca Popolare
Il dopoguerra: dalla Biblioteca Popolare alla Centrale di Palazzo Montanari
La biblioteca dei ragazzi ai Giardini Margherita
Il Consorzio provinciale pubblica lettura
Le biblioteche di quartiere (1)
Le biblioteche di quartiere (2)
Il progetto della Biblioteca Sala Borsa
 
Mappe - La pubblica lettura in Provincia
Mappe - La pubblica lettura a Bologna
Statistiche - La Biblioteca popolare 1910-1928: le opere consultate
Statistiche - La Biblioteca popolare 1910-1928: i lettori
Cronologia
Documenti




Credits | Informativa sui cookie
Data di creazione: agosto 2009
I testi e le immagini sono riproducibili per uso personale e a scopo didattico e di ricerca, a condizione che venga citata la fonte. Non è consentito alcun uso a scopo commerciale o di lucro.
Archiweb - Raccolte digitali della Biblioteca dell'Archiginnasio > Mostre in rete

La Biblioteca Popolare 1910-1928: le opere consultate

Nei primi anni di vita della Biblioteca Popolare il gruppo dei lettori in sede, interessati per lo più dalla lettura di giornali e riviste, prevale su quello dei lettori a domicilio. Gli utenti crescono costantemente nei primi anni, ad eccezione del periodo bellico (1915-1918) quando evidentemente molti giovani maschi erano al fronte. Dopo il 1923 i lettori, in sede e a domicilio, diminuiscono sensibilmente.
Fra le ragioni di questo calo Sorbelli cita la soppressione dell’abbonamento ai giornali (dal 1924) e la concorrenza della Biblioteca della Casa del Fascio, che praticava un orario di apertura molto ampio a fronte di una forte riduzione di quello della Biblioteca Popolare.
Per quanto riguarda i generi delle opere, quasi il 70% di quelle consultate in sede è costituito da giornali e riviste (esclusi dal prestito), mentre il resto è ripartito in maniera equilibrata fra i vari generi. Fra le opere richieste in prestito, la maggior parte (42%) rientra nella categoria letteratura amena, il 21% sono libri di storia e geografia mentre gli altri generi hanno consistenze fra l’11 e il 15%.
I dati sono ricavati dalle Relazioni del direttore Albano Sorbelli pubblicate su «L’Archiginnasio». Negli anni 1919-1920 il dato dei lettori in sede non è fornito.
 
Cliccare sui grafici per ingrandire

Lettori in sede e a domicilio
Opere lette in sede o prestate a domicilio


Opere prestate
Opere lette in sede


Opere lette in sede e prestate a domicilio suddivise per genere
Giornali e riviste consultati