Prima del 1909. Gaspare Ungarelli e l’apertura serale dell’Archiginnasio
1° luglio 1909. Albano Sorbelli e l'inaugurazione della Biblioteca Popolare
1909-1929. I primi vent’anni della Biblioteca Popolare
La Casa del Fascio di Bologna e la sua Biblioteca
1929-1944. I destini incrociati della Biblioteca della Casa del Fascio e della Biblioteca Popolare
Il dopoguerra: dalla Biblioteca Popolare alla Centrale di Palazzo Montanari
La biblioteca dei ragazzi ai Giardini Margherita
Il Consorzio provinciale pubblica lettura
Le biblioteche di quartiere (1)
Le biblioteche di quartiere (2)
Il progetto della Biblioteca Sala Borsa
 
Mappe - La pubblica lettura in Provincia
Mappe - La pubblica lettura a Bologna
Statistiche - La Biblioteca popolare 1910-1928: le opere consultate
Statistiche - La Biblioteca popolare 1910-1928: i lettori
Cronologia
Documenti




Credits | Informativa sui cookie
Data di creazione: agosto 2009
I testi e le immagini sono riproducibili per uso personale e a scopo didattico e di ricerca, a condizione che venga citata la fonte. Non è consentito alcun uso a scopo commerciale o di lucro.
Archiweb - Raccolte digitali della Biblioteca dell'Archiginnasio > Mostre in rete

Il progetto della Biblioteca Sala Borsa


Locandina per l’inaugurazione
della Biblioteca Sala Borsa.

Nel 1990 il Consiglio comunale approvò il progetto denominato Parco urbano di Piazza Maggiore. Esso comprendeva interventi su varie piazze ed edifici centrali: per il complesso dell’ex Sala Borsa si parlava di «piazza coperta » e di sede per istituti culturali.
Nel 1991- 92 fu formulata un’ipotesi di trasferimento in Sala Borsa della Biblioteca centrale di Pubblica Lettura di palazzo Montanari. Alcuni eminenti intellettuali bolognesi pensarono a una nuova «città del sapere», una grande «mediateca», dotata anche di spazi per il riposo e lo svago: bar, caffè all’italiana, museo dei videogiochi. Si decise inoltre di lasciare visibili gli scavi archeologici sotto la grande sala interna, attraverso una serie di lastre di cristallo nel pavimento.
Nel 1995 la realizzazione della Biblioteca Sala Borsa fu inserita nella rosa delle idee-forza del Piano di mandato per Bologna 2000 città europea della cultura: doveva essere una biblioteca contemporanea, accessibile a tutti, senza differenze di età, livello di istruzione, etnia, con un rapido aggiornamento del patrimonio documentario e attenzione particolare agli strumenti di comunicazione telematica e multimediale.
All’apertura erano previsti 100.000 volumi, circa 600 periodici, 1.500 cd-rom, 10.000 cd musicali, 2.500 video. La biblioteca avrebbe occupato quasi tutto il contenitore di Sala Borsa, a parte alcuni spazi concessi a terzi per servizi di ristorazione e bookshop.
Pur ridimensionata nel progetto iniziale, la nuova biblioteca Sala Borsa fu inaugurata il 12 dicembre 2001.


Sala Borsa. Vista d’insieme della nuova piazza coperta.


Sala Borsa. Grande sala ipogea Collamarini utilizzata fino al 2008 come sala di consultazione.


Gli scavi archeologici nella ex Sala Borsa.



Sala Borsa. La piccola sala ipogea Collamarini dopo i restauri del 1999.


Sala Borsa. Le antiche scuderie (XVI sec.) del Cardinale Legato trasformate in sala di lettura
della nuova Mediateca Comunale.


Sala Borsa. Sala di consultazione Collamarini, attiva fino alla ristrutturazione dei servizi della biblioteca nel 2008. Ora ospita l’Auditorium intitolato a Enzo Biagi.



Pubblicazioni della Biblioteca Sala Borsa Ragazzi. I segnalibri vengono prodotti, assieme a manifesti e cartoncini, in occasione dei “compleanni” di Salaborsa.
Ognuno di essi è disegnato da un artista.


Libri della collana “salaborsa edizioni” . BSB - Notizie, Newsletter mensile della Biblioteca Sala Borsa.

Bibliografie tematiche della Biblioteca Sala Borsa.
Le bibliografie illustrano e promuovono i materiali della biblioteca.
Sono pubblicate anche sul suo sito Internet.
Materiale informativo sulla storia e i servizi della Biblioteca Sala Borsa.