Archivio - Il Resto del Carlino 1916

1914 | 1915 | 1916 | 1917 | 1918

LEGGI ONLINE

SCARICA
PDF  

    
 

DOMENICA

 

31

 

DICEMBRE

 

1916

 

L'Intesa rifiuta di prendere atto della proposta tedesca. "Non v'è pace possibile senza riparazioni e senza garanzie efficaci".

 

SABATO

 

30

 

DICEMBRE

 

1916

 

Previsioni sull'imminente risposta dell'Intesa degli Imperi centrali. Violenti combattimenti a Verdun - Molteplice attività sul nostro fronte.

 

VENERDÌ

 

29

 

DICEMBRE

 

1916

 

La Germania Risponde alla nota della Svizzera. L'adesione della Svizzera ai passi dei neutrali. Commenti generalmente ostili della stampa estera.

 

GIOVEDÌ

 

28

 

DICEMBRE

 

1916

 

Manifestazioni ufficiali dei belligeranti sugli ultimi passi dei neutri. Grande convegno a Londra per esaminare le eventuali condizioni di pace.

 

MERCOLEDÌ

 

27

 

DICEMBRE

 

1916

 

Le prossime risposte concordate dall'Intesa alle note degli Imperi centrali e delle potenze neutre.

 

MARTEDÌ

 

26

 

DICEMBRE

 

1916

 

MANCA.

 

LUNEDÌ

 

25

 

DICEMBRE

 

1916

 

L'azione dei paesi neutrali per la pace. La svizzera aderisce al passo di Wilson.

 

DOMENICA

 

24

 

DICEMBRE

 

1916

 

Animate discussioni e caute riserve sul passo di Wilson. Lansing dichiara che la nota non cela alcun fine d'intimidazione.

 

SABATO

 

23

 

DICEMBRE

 

1916

 

L'improvviso intervento di Wilson nel conflitto europeo. Tutti i belligeranti invitati a precisare ufficialmente gli scopi della guerra.

 

VENERDÌ

 

22

 

DICEMBRE

 

1916

 

Bombardamenti e azioni aeree sul nostro fronte. Cenni di resistenza russo-rumena in Dobrugia.

 

GIOVEDÌ

 

21

 

DICEMBRE

 

1916

 

Bombardamenti sul nostro fronte. Momentanea sosta su gli altri scacchieri.

 

MERCOLEDÌ

 

20

 

DICEMBRE

 

1916

 

Consolidamento dei francesi sulla nuova linea nella Woevre. Azioni d'artiglieria sul nostro fronte - Parziale ripresa in Volinia. I tedesco-bulgari giungono a Babadagh e avanzano verso il Sereth.

 

MARTEDÌ

 

19

 

DICEMBRE

 

1916

 

Franche parole dell'on. Sonnino sull'iniziativa per la pace. Il Governo chiede la fiducia che gli viene confermata con 352 voti contro 41.

 

LUNEDÌ

 

18

 

DICEMBRE

 

1916

 

La nota tedesca per la pace discussa alla Camera. Notevoli discorsi degli on. Raimondo, Alessio e Turati.

 

DOMENICA

 

17

 

DICEMBRE

 

1916

 

Fulminea avanzata dei francesi nella Woeuvre. La conquista di villaggi e posizioni forti - 7500 prigionieri.

 

SABATO

 

16

 

DICEMBRE

 

1916

 

Dichiarazioni ufficiali e dibattiti d'opinioni sulla risposta dell'Intesa alla proposta di Bethmann Holwegg.

 

VENERDÌ

 

15

 

DICEMBRE

 

1916

 

Mentre si attende la risposta dell'Intesa. Concordi esortazioni alla diffidenza e alla calma operosa.

 

GIOVEDÌ

 

14

 

DICEMBRE

 

1916

 

Le dichiarazioni del cancelliere al "Reichstag" e il testo della proposta per la pace. Impressioni di diffidente attesa nella stampa italiana ed estera.

 

MERCOLEDÌ

 

13

 

DICEMBRE

 

1916

 

Gli imperi centrali offrono di trattare per la pace. La proposta presentata attraverso i governi degli Stati neutrali.

 

MARTEDÌ

 

12

 

DICEMBRE

 

1916

 

Rimpasti nelle alte sfere militari e politiche dell'Intesa. La manovra tedesco-bulgara in Valacchia - Attacchi austriaci respinti nel Carso.

 

LUNEDÌ

 

11

 

DICEMBRE

 

1916

 

Le operazioni dovunque ostacolate dal maltempo. I bulgari occupano Olteniza e passano il Danubio a Silistria.

 

DOMENICA

 

10

 

DICEMBRE

 

1916

 

La Camera vota la fiducia nel Governo con 376 voti contro 45. Rigidi provvedimenti militari annunziati dal ministro Morrone.

 

SABATO

 

9

 

DICEMBRE

 

1916

 

Violenti combattimenti sul fronte macedone. L'Intesa dichiara il blocco della Grecia.

 

VENERDÌ

 

8

 

DICEMBRE

 

1916

 

Il ripiegamento romeno sulla nuova base. Audacissime incursioni dei nostri aviatori su Trieste.

 

GIOVEDÌ

 

7

 

DICEMBRE

 

1916

 

Bucarest occupata dal nemico. I romeni si organizzano sul Buzeu.

 

MERCOLEDÌ

 

6

 

DICEMBRE

 

1916

 

L'estrema difesa di Bucarest dopo la rottura della linea dell'Arges.

 

MARTEDÌ

 

5

 

DICEMBRE

 

1916

 

I russo-romeni respingono gli invasori presso Bucarest. Importante successo serbo a est della Cerna.

 

LUNEDÌ

 

4

 

DICEMBRE

 

1916

 

La Russia combatterà fino all'annientamento tedesco. Trepoff espone alla Duma un programma di rinnovamento e di epurazione.

 

DOMENICA

 

3

 

DICEMBRE

 

1916

 

L'investimento di Bucarest fortemente contrastato dai romeni. Accaniti scontri sui Carpazi - Cannoneggiamenti sul nostro fronte.

 

SABATO

 

2

 

DICEMBRE

 

1916

 

La marcia converge su Bucarest e la diversione russa su Kirlibaba.

 

VENERDÌ

 

1

 

DICEMBRE

 

1916

 

La popolazione lascia Bucarest e il governo si porta a Jassy. Promettente inizio dell'offensiva russa sul confine ungherese.

 

GIOVEDÌ

 

30

 

NOVEMBRE

 

1916

 

La situazione romena dopo la presa di Giurgiu sul Danubio. Gli alleati incalzano il nemico oltre Monastir - Nuovi successi italiani.

 

MERCOLEDÌ

 

29

 

NOVEMBRE

 

1916

 

I romeni abbandonano la linea dell'Olt e del Topologu. Due "Zeppelin" incendiati e distrutti sull'Inghilterra.

 

MARTEDÌ

 

28

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Il momento critico della campagna romena. L'avanzata di Mackensen e Falkenhayn lungo l'Olt. Poderosi rinforzi russi guidati dal granduca Nicola?

 

LUNEDÌ

 

27

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Lo svolgimento della manovra avvolgente tedesca in Valacchia. Importanti movimenti di truppe fra l'Olt e il Danubio. I contingenti italiani avanzano sul lato occidentale di Monastir.

 

DOMENICA

 

26

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Favorevole svolgimento delle operazioni oltre Monastir. I tedeschi avanzano in Valacchia e i russo-romeni in Dobrugia.

 

SABATO

 

25

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Nuovi successi degli italiani sui laghi macedoni. Gli aspetti crudeli della guerra in Romania.

 

VENERDÌ

 

24

 

NOVEMBRE

 

1916

 

La procellosa alba di regno di Carlo VIII d'Austria. I primi atti di governo del nuovo imperatore - L'impressione in Europa per la morte di Francesco Giuseppe.

 

GIOVEDÌ

 

23

 

NOVEMBRE

 

1916

 

La morte di Francesco Giuseppe nel castello di Schoenbrunn. Particolari e impressioni sulla scomparsa del tragico vegliardo.

 

MERCOLEDÌ

 

22

 

NOVEMBRE

 

1916

 

L'offensiva degli alleati oltre Monastir e la difesa romena nella pianura valacca. Due attacchi austriaci contro la quota 126 ributtati - L'opera dei nostri soldati in Macedonia.

 

MARTEDÌ

 

21

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Gli italiani hanno contribuito alla vittoria di Monastir. Le operazioni in Romania - Attacchi austriaci a nord del Carso.

 

LUNEDÌ

 

20

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Le truppe dell'esercito d'Oriente hanno riconquistato Monastir.

 

DOMENICA

 

19

 

NOVEMBRE

 

1916

 

La Russia smentisce recisamente di trattare la pace separata. Si combatte accanitamente in Valacchia e nei pressi di Monastir.

 

SABATO

 

18

 

NOVEMBRE

 

1916

 

I bulgaro tedeschi stretti contro Monastir e minacciati sul fianco. Lenta ritirata romena nelle valle valacche - La lotta sul San Marco di Gorizia.

 

VENERDÌ

 

17

 

NOVEMBRE

 

1916

 

La rapida avanzata dei franco-serbi su Monastir. La lotta prosegue furiosa su tutto il fronte romeno. I nostri rioccupano posizioni più avanzate verso San Marco.

 

GIOVEDÌ

 

16

 

NOVEMBRE

 

1916

 

L'offensiva inglese sull'Ancre prosegue con successo. Crescente pressione contro i romeni sul fronte valacco.

 

MERCOLEDÌ

 

15

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Continua la battaglia a nord dell'Ancre. Oltre 4000 prigionieri fatti dagli inglesi. Le vicende della difesa romena sui due fronti.

 

MARTEDÌ

 

14

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Gli inglesi avanzano a nord dell'Ancre facendo 2000 prigionieri. I progressi dell'offensiva serba - Buona situazione in Romania.

 

LUNEDÌ

 

13

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Splendido successo serbo sul fianco orientale di Monastir. Vivacissimi attacchi tedeschi falliti sui due lati della Somme.

 

DOMENICA

 

12

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Nuovo sbalzo e nuove catture delle nostre truppe sul Carso. Azioni impegnate intorno alla testa di ponte di Cernavoda. La lotta sulle montagne valacche - Diversi tedeschi in Volinia.

 

SABATO

 

11

 

NOVEMBRE

 

1916

 

I romeni rioccupano Harsova in Dobrugia. Azioni sporadiche lungo il Danubio - Sosta sugli altri fronti.

 

VENERDÌ

 

10

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Raccolta di nuovo bottino nelle doline del Carso. La lotta prosegue indecisa sui diversi fronti.

 

GIOVEDÌ

 

9

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Le elezioni presidenziali agli Stati Uniti. Milioni di donne accorrono alle urne.

 

MERCOLEDÌ

 

8

 

NOVEMBRE

 

1916

 

L'incontro di Cadorna e Joffre presso Modane. Principio di controffensiva russo-rumena in Dobrugia.

 

MARTEDÌ

 

7

 

NOVEMBRE

 

1916

 

L'audacissima incursione di nostre siluranti nel porto di Pola. Vivi combattimenti in corso su tutti i fronti della guerra.

 

LUNEDÌ

 

6

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Un'arbitraria soluzione del problema polacco. La Polonia russa eretta a regno - Piena autonoma alla Galizia.

 

DOMENICA

 

5

 

NOVEMBRE

 

1916

 

La nostra avanzata s'estende sul Carso settentrionale e sfiora Castagnavizza. Furiosi attacchi nemici ribattuti sulla quota 208 - Prendiamo 553 prigionieri e 4 mortai.

 

SABATO

 

4

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Uno sbalzo sul Faiti Hrib e verso Castagnavizza. Le nuove linee ovunque tenute e consolidate. Altri 3498 prigionieri: fra questi è un generale di brigata.

 

VENERDÌ

 

3

 

NOVEMBRE

 

1916

 

I nostri sfondano la seconda linea austriaca sul Carso e avanzano ad est di Gorizia. Il Pscinka e il Veliki Hribach occupati - Due Batterie e 4731 uomini catturati.

 

GIOVEDÌ

 

2

 

NOVEMBRE

 

1916

 

S'intensificano le azioni d'artiglieria oltre Gorizia e sul Carso. La pressione tedesca prosegue senza risultato sui monti romeni. Successo inglese sullo Struma - Vivace lotta sulla Somme.

 

MERCOLEDÌ

 

1

 

NOVEMBRE

 

1916

 

Operazioni di dettaglio sui vari fronti ostacolate dal maltempo generale. La nostra artiglieria in azione sul lago di Dojran.

 

MARTEDÌ

 

31

 

OTTOBRE

 

1916

 

La resistenza romena si consolida. La lotta ripresa in Macedonia e sulla Somme. Rinforzi austriaci affluiscono verso il Carso.

 

LUNEDÌ

 

30

 

OTTOBRE

 

1916

 

Fortunata controffensiva romena su alcuni punti del fronte. Progressi degli alleati in Macedonia - Maltempo sui fronti occidentali.

 

DOMENICA

 

29

 

OTTOBRE

 

1916

 

Rinforzi russo-romeni affluiscono in Transilvania. I bulgari avanzando ancora in Dobrugia occupano Harsova.

 

SABATO

 

28

 

OTTOBRE

 

1916

 

La lotta sospesa in Dobrugia prosegue in Transilvania senza risultati decisivi. Supposizioni e previsioni all'estero - Vivaci azioni d'artiglieria sul Carso.

 

VENERDÌ

 

27

 

OTTOBRE

 

1916

 

L'impressione in Europa per gli ultimi eventi in Dobrugia. La nuova linea di difesa romena - Rassicuranti note ufficiose.

 

GIOVEDÌ

 

26

 

OTTOBRE

 

1916

 

I tedeschi occupano Cernavoda ma sono trattenuti sul fronte transilvanico. La vittoria francese di Verdun - Gli italiani si congiungono coi franco-serbi in Albania.

 

MERCOLEDÌ

 

25

 

OTTOBRE

 

1916

 

I nuovi aspetto della campagna romena.

 

MARTEDÌ

 

24

 

OTTOBRE

 

1916

 

Brillanti successi anglo-francesi sul fronte piccardo. Strenna difesa romena in Transilvania - Mckensen occupa Costanza.

 

LUNEDÌ

 

23

 

OTTOBRE

 

1916

 

La brillante difesa romena su due fronti. Gli inglesi avanzano oltre Le Sars.

 

DOMENICA

 

22

 

OTTOBRE

 

1916

 

Nuovi progressi serbi - Tenace resistenza romena. Il presidente dei ministri austriaco ucciso a revolverate.

 

SABATO

 

21

 

OTTOBRE

 

1916

 

Prosegue la lotta al Dente del Pasubio. L'offensiva di Falkenhayn dovunque trattenuta. Nuovi successi serbi - Gli italiani avanzano in Albania.

 

VENERDÌ

 

20

 

OTTOBRE

 

1916

 

Furioso attacco austriaco fiaccato sul Dente del Pasubio. Consolidamento dei francesi a Saillisel - Lotta ostinata in Transilvania.

 

GIOVEDÌ

 

19

 

OTTOBRE

 

1916

 

Fierissima resistenza romena su tutto il fronte di Transilvania. Contrattacchi tedeschi respinti in Francia - Nostro successo sul Pasubio.

 

MERCOLEDÌ

 

18

 

OTTOBRE

 

1916

 

Fierissima lotta nel settore della Somme. Le oscillazioni dell'offensiva tedesca in Transilvania.

 

MARTEDÌ

 

17

 

OTTOBRE

 

1916

 

La controffensiva romena si delinea in Transilvania. Una battaglia impegnata sullo Struma.

 

LUNEDÌ

 

16

 

OTTOBRE

 

1916

 

Gli alpini avanzano nella zona del Pasubio. Un balzo francese a sud della Somme.

 

DOMENICA

 

15

 

OTTOBRE

 

1916

 

Progressi delle nostre truppe a sud-est di Gorizia. La salda resistenza romena all'offensiva di Falkenhayn.

 

SABATO

 

14

 

OTTOBRE

 

1916

 

Battaglia generale sui fronti balcanici. Un appello del re di Romania agli alleati.

 

VENERDÌ

 

13

 

OTTOBRE

 

1916

 

Alla conquista di nuove quote sul Carso. Contrattacchi nemici ributtati - Altri 1771 prigionieri.

 

GIOVEDÌ

 

12

 

OTTOBRE

 

1916

 

Nostra risoluta avanzata su diversi punti del fronte. Nova Vas occupata - La linea della Vertoiba sfondata - Oltre 6400 prigionieri.

 

MERCOLEDÌ

 

11

 

OTTOBRE

 

1916

 

Brillanti azioni degli italiani nel Trentino e occupazioni in Albania. I romeni in ritirata sul confine; i serbi all'attacco oltre il Cerna.

 

MARTEDÌ

 

10

 

OTTOBRE

 

1916

 

La resistenza romena contro l'attacco di Falkenhayn. Gli austriaci duramente battuti dai nostri sulla Busa Alta.

 

LUNEDÌ

 

9

 

OTTOBRE

 

1916

 

Il fiero discorso dell'on. Boselli a Milano. Entusiastiche accoglienza al capo del Governo.

 

DOMENICA

 

8

 

OTTOBRE

 

1916

 

Tutti i contingenti dell'Intesa all'offensiva in Macedonia. Si sviluppa la battaglia nella regione di Fogars.

 

SABATO

 

7

 

OTTOBRE

 

1916

 

Nuovi progressi verso Monastir e sullo Struma. Prosegue la lotta in Dobrugia e sulle alpi di Transilvania.

 

VENERDÌ

 

6

 

OTTOBRE

 

1916

 

Crescente pressioni degli alleati contro Monastir. Le fasi dell'azione dimostrativa dei romeni sul Danubio.

 

GIOVEDÌ

 

5

 

OTTOBRE

 

1916

 

I franco-serbi avanzano su Monastir. Le fasi dell'azione romena - Fieri attacchi russi in Galizia.

 

MERCOLEDÌ

 

4

 

OTTOBRE

 

1916

 

L'audace mossa romena sul Danubio e la ripresa generale dell'attività in Oriente. I nostri soldati occupano importanti quote alpine.

 

MARTEDÌ

 

3

 

OTTOBRE

 

1916

 

Brillanti successi serbi e inglesi in Macedonia. I tedeschi respinti sull'Ancre - Un altro "Zeppelin" distrutto.

 

LUNEDÌ

 

2

 

OTTOBRE

 

1916

 

Le alternative della lotta in Transilvania. Situazione complessivamente infuriata sugli altri fronti.

 

DOMENICA

 

1

 

OTTOBRE

 

1916

 

Fortunate azioni d'assestamento sul fronte francese. Scontri in Transilvania - Prosegue la lotta sul Kaimakalan.

 

SABATO

 

30

 

SETTEMBRE

 

1916

 

La difficoltà della guerra e il problema della pace nel discorso del cancelliere dell'Impero tedesco.

 

VENERDÌ

 

29

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Vivacissime azioni in Macedonia e in Transilvania. Gli alleati in Piccardia si consolidano sulle nuove posizioni.

 

GIOVEDÌ

 

28

 

SETTEMBRE

 

1916

 

L'implacabile marcia degli alleati sulla Somme. Fiera lotta in Macedonia - Cenni offensivi dei tedeschi i Russia.

 

MERCOLEDÌ

 

27

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Gli anglo-francesi isolano Combles e vi penetrano da due parti. Vivaci scontri in Macedonia - Altri "Zeppelin" sull'Inghilterra.

 

MARTEDÌ

 

26

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Il dominio dell'aria brillantemente affermato dagli aviatori francesi. La ripresa della lotta sul fronte russo - Molteplici successi sui Balcani.

 

LUNEDÌ

 

25

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Quindici "Zeppelin" volano su Londra e sull'Essex. Un aeronave incendiata e distrutta, una catturata. Vivaci azioni diversive degli austriaci sul nostro fronte.

 

DOMENICA

 

24

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Situazione stazionaria in Dobrugia. Il maltempo ostacola ovunque le operazioni.

 

SABATO

 

23

 

SETTEMBRE

 

1916

 

La controffensiva russo-romena in Dobrugia e la manovra aggirante gli alleati verso Monastir.

 

VENERDÌ

 

22

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Furiosa controffensiva tedesca in Francia totalmente fallita. Situazione sempre più favorevole in tutti i settori del fronte balcanico.

 

GIOVEDÌ

 

21

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Azioni d'assestamento lungo tutto il nostro fronte. I progressi dell'avanzata serba

 

MERCOLEDÌ

 

20

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Il nuovo accanirsi della lotta in Francia, in Macedonia, in Dobrugia. L'avanzata sul Carso.

 

MARTEDÌ

 

19

 

SETTEMBRE

 

1916

 

La penosa difensiva tedesca in Piccardia. Vivacissime azioni su tutto il fronte balcanico.

 

LUNEDÌ

 

18

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Fortunato svolgersi dell'azione sul Carso. Violente azioni parziali nel trentino e in Carnia.

 

DOMENICA

 

17

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Prosegue la nostra azione sul Carso. Altri 1077 prigionieri - L'avanzata nel Trentino.

 

SABATO

 

16

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Progressi verso Val di Fiemme e vigoroso balzo sul Carso con 2117 prigionieri. Una serie di successi degli alleati in Macedonia - Promettente situazione in Francia.

 

VENERDÌ

 

15

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Successi romeni e serbi contro il comune nemico,. Le nostre operazioni militari sulla strada di Trento.

 

GIOVEDÌ

 

14

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Nuova vittoria francese a nord della Somme. Lo sviluppo favorevole dell'offensiva di Sarrail.

 

MERCOLEDÌ

 

13

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Sarail inizia vittoriosamente l'offensiva in Macedonia. L'incertezza della situazione greca si accresce per le dimensioni di Zaimis.

 

MARTEDÌ

 

12

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Azioni decisive si preparano sul fronte russo-romeno. Progressi delle nostre truppe sul fronte trentino.

 

LUNEDÌ

 

11

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Nuovo brillante successo inglese a nord della Somme. L'annuncio dell'affondamento della "Leonardo da Vinci".

 

DOMENICA

 

10

 

SETTEMBRE

 

1916

 

I primi successi delle nostre truppe in Macedonia. La classe 1897 chiamata alle armi.

 

SABATO

 

9

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Lo sviluppo della vittoria russa in Galizia. La diversione bulgara in Dobrugia.

 

VENERDÌ

 

8

 

SETTEMBRE

 

1916

 

I francesi vincono sulla Somme e sulla Mosa. Orsova occupata dai romeni - Attacchi respinti su punta fora me.

 

GIOVEDÌ

 

7

 

SETTEMBRE

 

1916

 

L'offensiva franco-inglese continua vittoriosa in tutto il settore di Piccardia.

 

MERCOLEDÌ

 

6

 

SETTEMBRE

 

1916

 

L'offensiva francese si allarga vittoriosa a sud della Somme. Kirlibaba sgombrata dagli austriaci - Nostri progressi nell'alto Boite.

 

MARTEDÌ

 

5

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Un nuovo balzo in avanti dei franco-inglesi sulla Somme. Brillante incursione delle nostre truppe in Albania oltre la Voiussa.

 

LUNEDÌ

 

4

 

SETTEMBRE

 

1916

 

L'incalzante offensiva romena in Transilvania. i russi avanzano combattendo in Volonia - Vivaci azioni sul Cauriol.

 

DOMENICA

 

3

 

SETTEMBRE

 

1916

 

L'importanza del movimento rivoluzionario in Grecia. La flotta dell'Intesa davanti al Pireo - Il Governo provvisorio costituito a Salonicco.

 

SABATO

 

2

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Scoppio di moti rivoluzionari in Grecia. Le nostre truppe d'Albania occupano Tepeleni - La Bulgaria dichiara la guerra alla Romania

 

VENERDÌ

 

1

 

SETTEMBRE

 

1916

 

Romeni e russi avanzano in Transilvania. Vano attacco austriaco contro il Cauriol.

 

GIOVEDÌ

 

31

 

AGOSTO

     

Si annunzia l'entrata dei romeni a Brasso e a Hermannstadt. Ardite conquiste nell'Alpe di Fassa e in Val Boite.

 

MERCOLEDÌ

 

30

 

AGOSTO

     

Si delineano le felici conseguenze dell'intervento della Romania. La collaborazione russo-romena minaccia gravi colpi agli austriaci e ai bulgari.

 

MARTEDÌ

 

29

 

AGOSTO

     

La Rumenia entra nel conflitto europeo a fianco dell'Intesa.

 

LUNEDÌ

 

28

 

AGOSTO

     

L'Italia ha dichiarato guerra alla Germania.

 

DOMENICA

 

27

 

AGOSTO

     

Vigorose nostre azioni sul Posina e in Valle Traignolo. La battaglia divampa sullo Struma -- Conquista francesi sulla Somme.

 

SABATO

 

26

 

AGOSTO

     

Nostri reparti occupano il Kalarat e Porto Palermo in Albania. Nuovi progressi sull'Alpe di Fassa - La lotta in Macedonia e l'atteggiamento rumeno.

 

VENERDÌ

 

25

 

AGOSTO

     

Ardite conquiste dei nostri sull'Alpe di Fassa. La disfatta turca in Mesopotamia - Gli alleati si affermano in Macedonia.

 

GIOVEDÌ

 

24

 

AGOSTO

     

L'azione degli alleati si intensifica in Macedonia. Brillante azione dei nostri alpini - Contrattacchi tedeschi sulla Somme.

 

MERCOLEDÌ

 

23

 

AGOSTO

     

L'imponente cerimonia militare di Salonicco per l'arrivo dei contingenti italiani.

 

MARTEDÌ

 

22

 

AGOSTO

     

La lotta si estende e si acuisce sul fronte macedone. Azioni di incrociatori e sommergibili nel Mare del Nord.

 

LUNEDÌ

 

21

 

AGOSTO

     

L'acuirsi della lotta su tutto il fronte macedone. Progressi russi e anglo-francesi e vane controffensive nemiche.

 

DOMENICA

 

20

 

AGOSTO

     

Lungo le orme nemiche.

 

SABATO

 

19

 

AGOSTO

     

Nuovi successi degli alleati su tutti i fronti. L'azione dell'artiglieria si estende lungo l'Isonzo.

 

VENERDÌ

 

18

 

AGOSTO

     

Fortunate azioni francesi sul fronte piccardo. Progressi russi sulla Zlota Lipa e la Bystriza.

 

GIOVEDÌ

 

17

 

AGOSTO

     

L'attacco del nuovo fronte nemico sul Pecinka e San Marco. 2000 prigionieri in due giorni - Grande "raid" di quattordici Caproni.

 

MERCOLEDÌ

 

16

 

AGOSTO

     

MANCA.

 

MARTEDÌ

 

15

 

AGOSTO

     

Un nuovo successo sul Carso ci procura 800 prigionieri. L'avanzata russa minaccia gravemente l'armata di Bothmer.

 

LUNEDÌ

 

14

 

AGOSTO

     

Le nostre truppe proseguono la conquista del Carso e delle adiacenze di Gorizia. Altri 2098 prigionieri - Importantissime quote espugnate.

 

DOMENICA

 

13

 

AGOSTO

     

Le nostre truppe oltrepassano il Vallone. Oppacchialesella occupata - Prigionieri e bottino.

 

SABATO

 

12

 

AGOSTO

     

Un vigoroso balzo in avanti delle nostre truppe sul Carso. Doberdò, il San Martino, il Cosich e tutto l'altopiano occupati.

 

VENERDÌ

 

11

 

AGOSTO

     

La battaglia continua con successo ad oriente di Gorizia. Oltre 12000 prigionieri - La presa di Boschini - Brillanti "raid" di Caproni.

 

GIOVEDÌ

 

10

 

AGOSTO

     

Gli italiani, messo il nemico in piena rotta, entrano in Gorizia. Quattro reggimenti di Romagna all'assalto della città - Oltre 10000 prigionieri.

 

MERCOLEDÌ

 

9

 

AGOSTO

     

La testa di ponte di Gorizia è nelle nostre mani. 8000 soldati, 200 ufficiali,11 cannoni e 100 mitragliatrici catturati.

 

MARTEDÌ

 

8

 

AGOSTO

     

Primi felici risultati dell'offensiva italiana sul basso Isonzo. Lo sfondamento delle linee nemiche ci frutta un imponente bottino e 3600 prigionieri.

 

LUNEDÌ

 

7

 

AGOSTO

     

Progressi degli anglo-francesi dalla Somme alla Mosa. I russi avanzano combattendo oltre l'alto Sereth.

 

DOMENICA

 

6

 

AGOSTO

     

Gli inglesi avanzano oltre Pozières e i francesi riprendono Thiaumont. Tentativi turchi contro Porto Said - Nostra brillante azione sul Carso.

 

SABATO

 

5

 

AGOSTO

     

Violente azioni sulla Mosa: Thiaumont e Fleury aspramente contesi. Sintomi d'offensiva tedesca in Russia - Nostri nuovi progressi nella zona alpina.

 

VENERDÌ

 

4

 

AGOSTO

     

I francesi attaccano sulla Somme e guadagnano terreno a Verdun. Vane incursioni di "Zeppelin sull'Inghilterra - Nostri successi nel Trentino.

 

GIOVEDÌ

 

3

 

AGOSTO

     

Brillante successo dei francesi sulla Somme. Violenti combattimenti lungo il fronte galiziano.

 

MERCOLEDÌ

 

2

 

AGOSTO

     

L'offensiva degli Alleati sui vari fronti. Nostri brillanti successi in Cadore.

 

MARTEDÌ

 

1

 

AGOSTO

     

La pressione degli eserciti dell'Intesa su tutti i fronti della guerra.

 

LUNEDÌ

 

31

 

LUGLIO

     

La portata delle vittorie russe si delinea sempre maggiore. Breve tregua in Piccardia - Nostri successi oltre il Cimone e sulle Tofane.

 

DOMENICA

 

30

 

LUGLIO

     

I russi occupano Brody in Galizia e penetrano profondamente nel fronte nemico in Volonia. Lenta e sicura avanzata inglese nel settore piccardo.

 

SABATO

 

29

 

LUGLIO

     

Gli inglesi occupano il bosco di Delville e sviluppano il loro successo oltre Longueval.

 

VENERDÌ

 

28

 

LUGLIO

     

Un momento di sosta su tutti i fronti della guerra pel consolidamento delle conquiste degli eserciti dell'Intesa.

 

GIOVEDÌ

 

27

 

LUGLIO

     

Gli anglo-australiani occupano e sorpassano Pozières. I russi prendono Erzindjan completando la conquista dell'Armenia.

 

MERCOLEDÌ

 

26

 

LUGLIO

     

Australiani e tedeschi si disputano il villaggio di Pozières. Gli italiani prendono il Cimone e progrediscono sugli altipiani.

 

MARTEDÌ

 

25

 

LUGLIO

     

I russi all'offensiva anche nella zona di Riga. I progressi anglo-francesi - Nostri successi nel Trentino.

 

LUNEDÌ

 

24

 

LUGLIO

     

I russi svolgono con vigore la loro azione tra Styr e la Lipa. L'offensiva inglese ripresa - Nostri notevoli successi sulle Dolomiti.

 

DOMENICA

 

23

 

LUGLIO

     

L'armata di Linsingen rotta fra lo Styr e la Lipa. "Raid" e bombardamenti aerei sul fronte franco-tedesco.

 

SABATO

 

22

 

LUGLIO

     

Lotta furiosa nel possesso del bosco di Foureaux. Bombardamenti di rappresaglia sul nostro fronte.

 

VENERDÌ

 

21

 

LUGLIO

     

Conviene che l'Italia dichiari guerra alla Germania?. Tenacissima lotta sul fronte della Somme. L'importanza dei successi in Volonia e nel Caucaso.

 

GIOVEDÌ

 

20

 

LUGLIO

     

Violenta ripresa della battaglia a nord della Somme. Posizioni conquistate dai nostri sul Corno del Coston.

 

MERCOLEDÌ

 

19

 

LUGLIO

     

I russi accentuano i loro progressi in Volonia e sui Carpazi. Il maltempo ostacola le operazioni in Piccardia.

 

MARTEDÌ

 

18

 

LUGLIO

     

I russi scalano i Carpazi e battono i tedeschi in Volinia. La lenta e sicura offensiva anglo-francese guadagna terreno.

 

LUNEDÌ

 

17

 

LUGLIO

     

Nuovi progressi degli alleati in Piccarda. Furiose alternative della lotta sul fronte russo.

 

DOMENICA

 

16

 

LUGLIO

     

Gli inglesi avanzano ancora e fanno duemila prigionieri. I nostri conquistano fortissime posizioni alla testata del Posina.

 

SABATO

 

15

 

LUGLIO

     

Un balzo in avanti degli inglesi verso Combles. Una cima delle Dolomiti minata e conquistata dai nostri.

 

VENERDÌ

 

14

 

LUGLIO

     

Pausa di preparazione nell'offensiva degli alleati. Attacco austriaco fallito su Malga Zugna - Uno scontro nell'Adriatico.

 

GIOVEDÌ

 

13

 

LUGLIO

     

L'accanita resistenza tedesca sui due fronti. Sanguinose battaglie sulla Somme e sullo Stochod.

 

MERCOLEDÌ

 

12

 

LUGLIO

     

La nostra controffensiva nel Trentino. Brillante azione navale contro Parenzo.

 

MARTEDÌ

 

11

 

LUGLIO

     

Brillante successo italiano nella zona delle Tofane. I russi avanzano in Volinia e in Galizia. I progressi dei franco-inglesi a nord e a sud della Somme.

 

LUNEDÌ

 

10

 

LUGLIO

     

Cresce la pressione russa contro i punti vitali del nemico. Graduale avanzata degli anglo-francesi - Nostri successi nel Trentino.

 

DOMENICA

 

9

 

LUGLIO

     

Lo sviluppo e il consolidamento dell'offensiva su tutta l'estensione del "fronte unico".

 

SABATO

 

8

 

LUGLIO

     

Le nostre fanterie progrediscono facendo 500 prigionieri.

 

VENERDÌ

 

7

 

LUGLIO

     

Gli sforzi controffensivi tedeschi contro la spinta anglo-francese sulla Somme.

 

GIOVEDÌ

 

6

 

LUGLIO

     

I risultati della battaglia della Somme dopo il quinto giorno della grande offensiva. I nostri conquistano le cime del Seluggio e del Corno.

 

MERCOLEDÌ

 

5

 

LUGLIO

     

L'offensiva degli alleati si svolge con successo su tutti i fronti. Villaggi perduti dai tedeschi a sud della Somme - La pressione russa oltre Luzk. I nostri progrediscono sugli Altipiani e sul Carso facendo 619 prigionieri.

 

MARTEDÌ

 

4

 

LUGLIO

     

Il lento ma sicuro progredire dell'offensiva anglo-francese. La lotta prosegue accanita intorno a Verdun e sul fronte orientale.

 

LUNEDÌ

 

3

 

LUGLIO

     

Le due prime giornate dell'offensiva ango-francese. Notevoli progressi fra Arras e la Somme: 7000 tedeschi catturati.

 

DOMENICA

 

2

 

LUGLIO

     

I primi successi dell'annunziata offensiva inglese,. La furibonda lotta intorno a Verdun - I russi prendono Kolomea.

 

SABATO

 

1

 

LUGLIO

     

I nostri avanzano ancora facendo 1394 prigionieri. La cima del Zellenkofel occupata - Violente azioni sul Carso.

 

VENERDÌ

 

30

 

GIUGNO

 

1916

 

La nostra avanzata prosegue verso il confine trentino. Felici azioni sul Carso - Altri 656 prigionieri. Le terze categorie 1882 e 83 e i già riformati chiamati alle armi.

 

GIOVEDÌ

 

29

 

GIUGNO

 

1916

 

La ripresa dei lavori alla Camera con le dichiarazioni del presidente on. Boselli. Durante la discussione giunge l'annunzio dell'eroica morte dell'on. Brandolin.

 

MERCOLEDÌ

 

28

 

GIUGNO

 

1916

 

La ritirata degli austriaci prosegue sotto la pressione delle nostre truppe. Arsiero e Posina rioccupate - La rapida marcia sull'Altipiano - Aeroplano abbattuto oltre Verona.

 

MARTEDÌ

 

27

 

GIUGNO

 

1916

 

La rapida riconquista del territorio nazionale invaso. Il nemico incalzato vigorosamente ripiega su tutta la linea.

 

LUNEDÌ

 

26

 

GIUGNO

 

1916

 

Fortunate azioni parziali sul nostro fronte. La battaglia sulla riva destra della Mosa prosegue accanita.

 

DOMENICA

 

25

 

GIUGNO

 

1916

 

La battaglia si sviluppa dalla Volinia ai Carpazi. Aspra ripresa della lotta intorno ai forti di Verdun.

 

SABATO

 

24

 

GIUGNO

 

1916

 

Come la Grecia ha capitolato dinanzi alle richieste dell'Intesa.

 

VENERDÌ

 

23

 

GIUGNO

 

1916

 

Complicazioni e ripercussioni della guerra mondiale. L'"ultimatum" alla Grecia appoggiato dall'azione della flotta. L'Arabia in piena rivolta -- Grave scontro in territorio messicano.

 

GIOVEDÌ

 

22

 

GIUGNO

 

1916

 

Critica situazione dell'estrema ala destra austriaca in seguito alla rapida puntata russa su Sereth. Nostri successi sull'Altipiano - Tre velivoli nemici abbattuti.

 

MERCOLEDÌ

 

21

 

GIUGNO

 

1916

 

Trenta giorni di offensiva austriaca Le perdite del nemico.

 

MARTEDÌ

 

20

 

GIUGNO

 

1916

 

Furiosi attacchi respinti a sud della conca d'Asiago e brillante azione sul confine della Valsugana.

 

LUNEDÌ

 

19

 

GIUGNO

 

1916

 

I russi proseguono l'avanzata ed occupano Czernowitz. La nostra difensiva attiva ottiene nuovi brillanti successi.

 

DOMENICA

 

18

 

GIUGNO

 

1916

 

Magnifica nostra controffensiva sull'Altipiano d'Asiago. Importanti posizioni occupate - Un intera batteria tolta al nemico.

 

SABATO

 

17

 

GIUGNO

 

1916

 

Verso la formazione del nuovo Gabinetto. I ministri saliranno a diciotto

 

VENERDÌ

 

16

 

GIUGNO

 

1916

 

Trincee espugnate presso Monfalcone: 488 prigionieri. La lotta per l'occupazione di Czernowitz.

 

GIOVEDÌ

 

15

 

GIUGNO

 

1916

 

L'avanzata russa ha raggiunto il Pruth. L'accerchiamento di Czernowitz dal nord è compiuto. Sul nostro fronte falliscono tutti gli attacchi dei nemici.

 

MERCOLEDÌ

 

14

 

GIUGNO

 

1916

 

Nostro successo in Val Lagarina. "Raid" di torpediniere italiane sulla costa istriana.

 

MARTEDÌ

 

13

 

GIUGNO

 

1916

 

I russi si avvicinano a Czernowitz facendo grosso bottino. La nostra offensiva ottiene ovunque buoni successi

 

LUNEDÌ

 

12

 

GIUGNO

 

1916

 

La lotta degli austriaci assume gravissime proporzioni. La città di Buczacz occupata -- I prigionieri sono più di 100000. la nostra controffensiva dall'Adige al Brenta ufficialmente annunziata.

 

DOMENICA

 

11

 

GIUGNO

 

1916

 

Il gabinetto Salandra battuto alla Camera con 197 voti contro 159 dop9o le dichiarazioni del presidente del Consiglio sulla situazione generale.

 

SABATO

 

10

 

GIUGNO

 

1916

 

Il fronte austriaco infranto in Volinia e in Bukovina sotto i colpi russi. Tenace resistenza italiana sull'altipiano - La lotta a Verdun e nel Caucaso.

 

VENERDÌ

 

9

 

GIUGNO

 

1916

 

Una battaglia infuria sull'Altipiano dei Sette Comuni. Il nemico ovunque ricacciato - I nostri occupano i passi dell'Ortler.

 

GIOVEDÌ

 

8

 

GIUGNO

 

1916

 

Gli austriaci respinti ovunque e contrattaccati. Apprezzamenti sull'offensiva russa - La lotta a Verdun.

 

MERCOLEDÌ

 

7

 

GIUGNO

 

1916

 

Il generalissimo Kitchener tragicamente perito col suo stato maggiore per l'affondamento dell'"Hampshire".

 

MARTEDÌ

 

6

 

GIUGNO

 

1916

 

Molteplice attività austriaca lungo il fronte neutralizzata dalla nostra tenace difesa.

 

LUNEDÌ

 

5

 

GIUGNO

 

1916

 

Resistenza sempre più salda sulla nostra ala sinistra. Gravissime perdite del nemico - La lotta per il Cengio.

 

DOMENICA

 

4

 

GIUGNO

 

1916

 

Il colossale urto navale di Horns Riff. Maggiori ragguagli sulle perdite - Giudizi sulla battaglia.

 

SABATO

 

3

 

GIUGNO

 

1916

 

Estrema violenza e costante insuccesso degli attacchi nemici. In Vallarsa e sull'altipiano d'Asiago riguadagniamo terreno.

 

VENERDÌ

 

2

 

GIUGNO

 

1916

 

Il nemico reiteratamente battuto nelle zone del Pasubio e del Posina. La renitenza sull'altipiano dell'Asiago - Brillante "raid" dei nostri "Caproni".

 

GIOVEDÌ

 

1

 

GIUGNO

 

1916

 

Eroica resistenza contro la ripresa offensiva degli austriaci. Emiliani e siciliani fanno strage del nemico in Valle Lagarina.

 

MERCOLEDÌ

 

31

 

MAGGIO

 

1916

 

Accanita lotta a sud del Posina con esito a noi favorevole. Le nostre artiglierie contro i traini nemici - Azioni di mine sul Carso.

 

MARTEDÌ

 

30

 

MAGGIO

 

1916

 

Incrollabile resistenza della nostra ala sinistra. La battaglia intorno Asiago - Reggimenti che si distinguono.

 

LUNEDÌ

 

29

 

MAGGIO

 

1916

 

Nessun progresso del nemico sulle ali del fronte di battaglia. Insistente pressione contro l'altipiano d'Asiago.

 

DOMENICA

 

28

 

MAGGIO

 

1916

 

L'offensiva nemica contenuta su tutto il fronte di battaglia. Nostri brillanti successi in Val Calamento e nella zona del Monte Nero.

 

SABATO

 

27

 

MAGGIO

 

1916

 

Sanguinosi insuccessi dei nemici in Vallarsa e Valsugana. Una violenta azione impegnata sull'altipiano di Asiago.

 

VENERDÌ

 

26

 

MAGGIO

 

1916

 

Vani attacchi nemici nella zona di Coni Zugna e Pasubio. Fortunati tiri della nostra artiglieria - Una posizione riconquistata.

 

GIOVEDÌ

 

25

 

MAGGIO

 

1916

 

L'organizzazione della resistenza sull'altipiano d'Asiago. Attacchi respinti su Marco e in Vallarsa - Lento ripiegamento in Valsugana.

 

MERCOLEDÌ

 

24

 

MAGGIO

 

1916

 

Prosegue la salda resistenza contro l'offensiva nemica. Ordinato ripiegamento in Valsugana - Brillante colpo di mano sul Sief.

 

MARTEDÌ

 

23

 

MAGGIO

 

1916

 

Lo sforzo nemico si accentua in Val Sugana. Attacchi respinti nella zona dell'Adige - Un idrovolante abbattuto.

 

LUNEDÌ

 

22

 

MAGGIO

 

1916

 

Le fanterie nemiche ribattute con perdite gravissime sul Coni Zugna e sull'altipiano di Asiago. Si delinea un'azione in Valsugana - Scorrerie aeree sul Veneto.

 

DOMENICA

 

21

 

MAGGIO

 

1916

 

L'offensiva nemica validamente arginata su tutti i punti. Azioni di grande violenza dell'Adige, sul Pasubio e sull'altipiano d'Asiago.

 

SABATO

 

20

 

MAGGIO

 

1916

 

L'offensiva nemica continua ostinata sotto Rovereto e nella zona dell'alto Astico. Un successo sull'Adamello - Innichen e Sillian bombardate.

 

VENERDÌ

 

19

 

MAGGIO

 

1916

 

Scacchi austriaci in Val di Ledro e Lagarina. Nostri progressi sull'Adamello - Posizioni riprese sul Carso.

 

GIOVEDÌ

 

18

 

MAGGIO

 

1916

 

L'offensiva austriaca si sviluppa costando dovunque al nemico gravissime perdite. Violenti attacchi respinti - Quattrocento prigionieri in nostra mano - Prosegue l'attività aerea.

 

MERCOLEDÌ

 

17

 

MAGGIO

 

1916

 

Prime accenni di offensiva austriaca su tutto il fronte vigorosamente sostenuti. Vano "raid" aereo nemico su alcune città venete - Efficace azione dei nostri "Caproni".

 

MARTEDÌ

 

16

 

MAGGIO

 

1916

 

Le sole condizioni possibili per la pace chiaramente espresse da sir Grey.

 

LUNEDÌ

 

15

 

MAGGIO

 

1916

 

Mentre i tedeschi si accanisco contro Verdun si discute sulla possibilità di una grande campagna russa.

 

DOMENICA

 

14

 

MAGGIO

 

1916

 

L'ostinata lotta sul fronte franco-belga. Vivaci riprese in Curlandia e nel Caucaso.

 

SABATO

 

13

 

MAGGIO

 

1916

 

Le nostre nuove posizioni sul Cukla vanamente assalite. L'ostinata lotta per Verdun - I russi sulla via di Bagdad.

 

VENERDÌ

 

12

 

MAGGIO

 

1916

 

La cima del Cukla sopra Plezzo è in nostro potere. Località costiere delle Cirenaica sottratte al dominio senussita.

 

GIOVEDÌ

 

11

 

MAGGIO

 

1916

 

L'impressione per la nota di Wilson. Ordina ai sottomarini d'osservare i diritti delle genti.

 

MERCOLEDÌ

 

10

 

MAGGIO

 

1916

 

Wilson prende atto della nota di Berlino senza accettare e restrizioni né condizioni al suo adempimento.

 

MARTEDÌ

 

9

 

MAGGIO

 

1916

 

Le reticenze della nota tedesca a Wilson. Il breve accenno alla pace provoca infinite dicerie.

 

LUNEDÌ

 

8

 

MAGGIO

 

1916

 

Aspre critiche e generali riserve sulla nota di Berlino. A Washington si dice che Wilson sia soddisfatto.

 

DOMENICA

 

7

 

MAGGIO

 

1916

 

La battaglia infierisce sulla Mosa. Infernale bombardamento della quota 304.

 

SABATO

 

6

 

MAGGIO

 

1916

 

Accaniti combattimenti sul Mort Homme e sulla collina 304. Uno "Zeppelin" distrutto in Macedonia e un altro nel Mare del Nord.

 

VENERDÌ

 

5

 

MAGGIO

 

1916

 

Grande attività aerea del nemico e brillante azione dei nostri dirigibili. Nuovi successi francesi presso Verdun - La Germania prepara una conciliante risposta a Wilson.

 

GIOVEDÌ

 

4

 

MAGGIO

 

1916

 

L'ordine regna in Irlanda. Nuovi vani sforzi tedeschi a Verdun.

 

MERCOLEDÌ

 

3

 

MAGGIO

 

1916

 

Come fu repressa la rivoluzione a Dublino. Le dimissioni del Vicerè e del ministro per l'Irlanda.

 

MARTEDÌ

 

2

 

MAGGIO

 

1916

 

I ribelli d'Irlanda si arrendono alle truppe del governo.

 

LUNEDÌ

 

1

 

MAGGIO

 

1916

 

L'opinione pubblica inglese accoglie con fermezza la sciagura di Kut El Ambara. Si parla però di crisi ministeriale.

 

DOMENICA

 

30

 

APRILE

 

1916

 

Battaglia a a colpi di fucile e di granate per le vie di Dublino. Una nave da guerra bombarda il quartier generale degli insorti. I primi 400 prigionieri - Moti sporadici nelle province.

 

SABATO

 

29

 

APRILE

 

1916

 

La rivolta irlandese organizzata in America. In attesa di notizie sulla repressione.

 

VENERDÌ

 

28

 

APRILE

 

1916

 

La situazione in Irlanda provvisoriamente peggiorata. L'insurrezione tende ad allargarsi - La legge marziale proclamata in tutta l'isola.

 

GIOVEDÌ

 

27

 

APRILE

 

1916

 

Nuovi particolari sulle movimentate giornate inglesi. Azioni navali e incursioni aeree - Come sono falliti i moti d'Irlanda.

 

MERCOLEDÌ

 

26

 

APRILE

 

1916

 

Gravi avvenimenti in Irlanda provocati dalle subdole mene tedesche. Tentato sbarco sotto la guida d'un traditore - La plebaglia di Dublino insorge.

 

MARTEDÌ

 

25

 

APRILE

 

1916

 

Gli austriaci, battuti sulle Alpi, si accaniscono contro le nostre posizioni sul Carso. Molteplice attività sul fronte franco-tedesco.

 

LUNEDÌ

 

24

 

APRILE

 

1916

 

MANCA

 

DOMENICA

 

23

 

APRILE

 

1916

 

Accaniti scontri intorno a Verdun. Nostri continui progressi nel Trentino.

 

SABATO

 

22

 

APRILE

 

1916

 

I già riformati delle classi dall'86 al '94 chiamati alle armi per giorno da destinarsi. La terza categoria 1879 chiamata alle armi per il 15 maggio.

 

VENERDÌ

 

21

 

APRILE

 

1916

 

La Nota "ultimatum" degli Stati Uniti alla Germania. La rottura diplomatica prospettata da Wilson al Congresso.

 

GIOVEDÌ

 

20

 

APRILE

 

1916

 

I nostri occupano il passo di Monte Fumo sull'Adamello e l'estrema vetta del Col di Lana facendo 164 prigionieri.

 

MERCOLEDÌ

 

19

 

APRILE

 

1916

 

I russi, superata l'accanita resistenza turca, occupano Trebisonda. Gli austriaci con grosse forze attaccano i nostri in Val Sugana e sono respinti con perdite.

 

MARTEDÌ

 

18

 

APRILE

 

1916

 

L'insuccesso d'un attacco austriaco in va Sugana. La terza categoria 1880 e gli alpini 1876 chiamati alle armi.

 

LUNEDÌ

 

17

 

APRILE

 

1916

 

La condanna dell'Italia nel conflitto europeo illustrata dall'on. Sonnino. La camera esprima a grandissima maggioranza la fiducia nel Governo e si aggiorna al 6 giugno.

 

DOMENICA

 

16

 

APRILE

 

1916

 

La politica estera dell'Italia discussa alla Camera. Le dichiarazioni dell'onorevole Sonnino attese per oggi.

 

SABATO

 

15

 

APRILE

 

1916

 

Cime del gruppo dell'Adamello occupate a 3300 metri. Attacco respinto sul Mrzli - Cannoneggiamenti a Verdun.

 

VENERDÌ

 

14

 

APRILE

 

1916

 

Momentanea sosta nelle operazioni contro Verdun. Audacissime e fortunate incursioni aviatorie nell'Adriatico. Nostri successi in val di Ledro e nella conca di Plezzo.

 

GIOVEDÌ

 

13

 

APRILE

 

1916

 

Nessun progresso tedesco intorno a Verdun. Brillanti successi della nostra offensiva nel Trentino.

 

MERCOLEDÌ

 

12

 

APRILE

 

1916

 

Prosegue la lotta per il Mort Homme. L'accanimento dell'ultime offensive tedesche. Brillanti azioni della nostra artiglieria - Attacco aereo nemico sul Grado.

 

MARTEDÌ

 

11

 

APRILE

 

1916

 

Si combatte fieramente ad ovest della Mosa. L'eroica resistenza francese sul Mort Homme.

 

LUNEDÌ

 

10

 

APRILE

 

1916

 

Situazione stazionaria sul fronte francese. Sintomi d'attività nemica contro Salonicco. L'importanza del nostro ultimo successo sul Monte Nero.

 

DOMENICA

 

9

 

APRILE

 

1916

 

Lotta violentissima sulle colline a ovest di Verdun. Vivaci scontri sul nostro fronte - Strage di navi mercantili.

 

SABATO

 

8

 

APRILE

 

1916

 

Offensiva tedesca contro gli inglesi a Saint Eloi. Alternativa di successi a ovest di Verdun.

 

VENERDÌ

 

7

 

APRILE

 

1916

 

Nuove dichiarazioni di Bethamann Hollweg al Reichstag. La colpa del proseguimento della guerra addossata all'Intesa.

 

GIOVEDÌ

 

6

 

APRILE

 

1916

 

Le dimissioni del Ministro della guerra. Il tenente generale Morrone suo successore.

 

MERCOLEDÌ

 

5

 

APRILE

 

1916

 

Nuovi provvedimenti militari: la revisione d'altre quattro classi di riformati. L'anticipo delle operazioni di leva pei giovani nati nel 1897. Parziali azioni sul nostro fronte -- Continuano le alternative della lotta in Francia.

 

MARTEDÌ

 

4

 

APRILE

 

1916

 

L'oscuro enigma dell'Olanda. Contro la Germania o contro la Quadruplice Intesa? Misure di precauzione che sarebbero state troppo precipitate.

 

LUNEDÌ

 

3

 

APRILE

 

1916

 

Situazione stazionaria sul fronte francese. Nuovi particolari sul "raid" aereo sopra l'Inghilterra. Due brillanti successi parziali delle nostre armi.

 

DOMENICA

 

2

 

APRILE

 

1916

 

La lentissima avanzata tedesca intorno a Verdun. Il villaggio di Vaux parzialmente occupato con gravi sacrifici. La nostra attività nel settore alpino e lungo l'Isonzo.

 

SABATO

 

1

 

APRILE

 

1916

 

Asquith è giunto a Roma. La simpatica accoglienza della popolazione. L'accanita ripresa della lotta a Verdun. Il valore della brigata"Acqui" nell'ultima battaglia del Carso.

 

VENERDÌ

 

31

 

MARZO

 

1916

 

Gli ultimi echi della conferenza. Dichiarazioni di Salandra, Tittoni e Pasic. Favorevole impressioni degli ambienti neutrali.

 

GIOVEDÌ

 

30

 

MARZO

 

1916

 

Nell'ultima seduta del convegno di Parigi si stabiliscono i capisaldi della futura unità d'azione. Piena solidarietà militare, diplomatica ed economica dell'Intesa.

 

MERCOLEDÌ

 

29

 

MARZO

 

1916

 

Attacco nemico presso Gorizia risolto in uno scacco sanguinoso. Oltre 300 prigionieri presi agli austriaci sulle trincee di Granfenberg.

 

MARTEDÌ

 

28

 

MARZO

 

1916

 

Le prime riunioni della conferenza di Parigi. La discussione sui mezzi militari per raggiungere la vittoria.

 

LUNEDÌ

 

27

 

MARZO

 

1916

 

L'arrivo dei ministri italiani a Parigi. L'entusiastico saluto del popolo e della stampa.

 

DOMENICA

 

26

 

MARZO

 

1916

 

L'offensiva russa si sviluppa con successo. Calma intorno a Verdun - Attacchi respinti sul nostro fronte.

 

SABATO

 

25

 

MARZO

 

1916

 

Azioni di artiglieria in Argonne e sulla Mosa. Nuovi progressi russi sulla Dwina e il Galizia.

 

VENERDÌ

 

24

 

MARZO

 

1916

 

Continua il bombardamento tedesco sulla Mosa. L'azione si riaccende su tutto il fronte russo.

 

GIOVEDÌ

 

23

 

MARZO

 

1916

 

Violentissima azione delle artiglierie intorno a Verdun. Rinnovata attività russa su tutto il fronte austro-tedesco.

 

MERCOLEDÌ

 

22

 

MARZO

 

1916

 

Il nuovo tentativo del Comando germanico contro l'estrema ala sinistra francese a Verdun.

 

MARTEDÌ

 

21

 

MARZO

 

1916

 

La calorosa accoglienza di Parigi al generalissimo Luigi Cadorna.

 

LUNEDÌ

 

20

 

MARZO

 

1916

 

Il voto sulla politica economica del Governo. La Camera afferma la fiducia nel ministro Salandra con 394 voti contro 61.

 

DOMENICA

 

19

 

MARZO

 

1916

 

Nuova sosta dei tedeschi dopo il fallito attacco ad est della Mosa. Tiri efficaci dell'artiglieria francese - Grande attività degli aviatori.

 

SABATO

 

18

 

MARZO

 

1916

 

Violentissima offensiva germanica ad est della Mosa. Cinque attacchi consecutivi infranti nel fuoco dei francesi.

 

VENERDÌ

 

17

 

MARZO

 

1916

 

Improvviso arresto della nuova offensiva tedesca. Efficaci azioni dell'artiglieria francese a Douaumont e in Woevre.

 

GIOVEDÌ

 

16

 

MARZO

 

1916

 

La violentissima ripresa dell'offensiva germanica contro Verdun. Brillanti contrattacchi francesi ad ovest della Mosa - Il bombardamento continua intenso.

 

MERCOLEDÌ

 

15

 

MARZO

 

1916

 

L'imminenza di un supremo sforzo tedesco contro le difese di Verdun.

 

MARTEDÌ

 

14

 

MARZO

 

1916

 

Perdura la sosta delle fanterie dinanzi a Verdun. Vivacissima attività delle artiglierie sulla Mosa e nella Woevre.

 

LUNEDÌ

 

13

 

MARZO

 

1916

 

Nuova sosta dei tedeschi dinanzi a Verdun. Violenta lotta delle artiglierie a nord dell'Aisne e ad est di Douaumont.

 

DOMENICA

 

12

 

MARZO

 

1916

 

Rinnovati violentissimi attacchi germanici ad oriente e ad occidente della Mosa. Lievi progressi e perdite gravissime - Un attacco fallito in Champagne.

 

SABATO

 

11

 

MARZO

 

1916

 

Situazione invariata sulle due sponte della Mosa. Il completo insuccesso degli ultimi attacchi tedeschi.

 

VENERDÌ

 

10

 

MARZO

 

1916

 

La battaglia continua accanita sulle due rive della Mosa. Attacchi tedeschi respinti nel Bois des Cordeaux - Il forte di Vaux sarebbe caduto.

 

GIOVEDÌ

 

9

 

MARZO

 

1916

 

Violento duello di artiglierie su tutto il fronte d'attacco a Verdun. Lievi progressi tedeschi sui due lati della Mosa - Contrattacco francese in Champagne.

 

MERCOLEDÌ

 

8

 

MARZO

 

1916

 

L'offensiva germanica si sviluppa a nord della Mosa e nella Woevre. Lievi vantaggi conseguiti a prezzo di perdite gravissime.

 

MARTEDÌ

 

7

 

MARZO

 

1916

 

Nuova sosta delle fanterie a nord di Verdun. L'avanzata tedesca fermata su tutti i punti.

 

LUNEDÌ

 

6

 

MARZO

 

1916

 

Saldissima resistenza francese a nord di Verdun. Nuovi episodi di valore -- Scacco tedesco in Lorena.

 

DOMENICA

 

5

 

MARZO

 

1916

 

Nuova sosta nell'azione delle fanterie intorno ai forti di Verdun. Il cannoneggiamento continua - Altri particolari sulla battaglia di Douaumont.

 

SABATO

 

4

 

MARZO

 

1916

 

Furiosa ripresa dell'offensiva tedesca contro Verdun. La lotta delle fanterie per il possesso dei villaggi di Douaumont e di Vaux.

 

VENERDÌ

 

3

 

MARZO

 

1916

 

Violento attacco delle truppe tedesche respinto nella Woevre. Bombardamenti a nord di Verdun e in Lorena - Trebisola bloccata dai russi.

 

GIOVEDÌ

 

2

 

MARZO

 

1916

 

Completo arresto dell'offensiva tedesca verso Verdun. Duelli di artiglierie e scontri aerei su vari punti del fronte.

 

MERCOLEDÌ

 

1

 

MARZO

 

1916

 

I tedeschi rinnovano invano i loro attacchi ad est della Mosa. Furiosi corpo a corpo a Douaumont - Villaggio sgomberato dai francesi nella Woevre.

 

MARTEDÌ

 

29

 

FEBBRAIO

 

1916

 

L'offensiva tedesca rallenta a nord di Verdun e s'intensifica nella Woevre. Mischie furibonde intorno ai villaggi di Douaumont e di Eix.

 

LUNEDÌ

 

28

 

FEBBRAIO

 

1916

 

L'offensiva tedesca si estende anche ad est di Verdun. Validissima resistenza francese - La posizione di Douaumont passa di mano in mano.

 

DOMENICA

 

27

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Ripresa violentissima della lotta nella regione a nord di Verdun. Numerosi attacchi respinti dai francesi - "Il nemico non conta più i suoi sacrifici".

 

SABATO

 

26

 

FEBBRAIO

 

1916

 

La salda resistenza dei francesi alla furiosa offensiva germanica. Le truppe repubblicane si organizzano sulla nuova linea di difesa.

 

VENERDÌ

 

25

 

FEBBRAIO

 

1916

 

La lotta a nord di Verdun si sviluppa su 40 chilometri di fronte. I tedeschi attaccano con grandi forze - La tenace resistenza dei francesi.

 

GIOVEDÌ

 

24

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Un attacco nemico respinto contro le nostre posizioni del Mrzli. Lotta violentissima a nord di Verdun.

 

MERCOLEDÌ

 

23

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Violente azioni terrestri ed aeree in Francia. Uno "Zeppelin" e cinque aeroplani tedeschi abbattuti. Trincee francesi occupate in Artois e nella regione di Verdun.

 

MARTEDÌ

 

22

 

FEBBRAIO

 

1916

 

La disperata situazione dei turchi in Armenia. Un corpo d'armata in pericolo - L'inseguimento continua.

 

LUNEDÌ

 

21

 

FEBBRAIO

 

1916

 

L'avanzata dei russi in Armenia. Altre due città prese d'assalto.

 

DOMENICA

 

20

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Lubiana bombardata da una squadriglia di "Caproni". L'esercito turco in rotta inseguito dalle truppe russe.

 

SABATO

 

19

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Le ingiurie d'un deputato greco all'Italia sconfessate. Vivaci scontri sul nostro fronte trentino e sull'Isonzo. Nuova chiamata di terze categorie alle armi.

 

VENERDÌ

 

18

 

FEBBRAIO

 

1916

 

L'importanza militare e politica della grande vittoria russa in Armenia.

 

GIOVEDÌ

 

17

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Attacco nemico nella zona di Plezzo. Altri forti di Erzerum espugnati dai russi.

 

MERCOLEDÌ

 

16

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Continua l'attività degli aviatori austriaci. Trinceramenti nemici sconvolti dalle nostre artiglierie.

 

MARTEDÌ

 

15

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Incursione di aeroplani austriaci sulla Lombardia. Bombe su Milano, Monza, Treviglio e Bergamo. Danni insignificanti ovunque - Morti e feriti fra la popolazione civile.

 

LUNEDÌ

 

14

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Briand nel nostro Quartier generale. Il programma della prossima conferenza di Parigi.

 

DOMENICA

 

13

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Briand parte da Roma diretto al nostro Quartier generale. L'unità della Quadruplice raggiunta - Prossima conferenza degli Alleati a Parigi.

 

SABATO

 

12

 

FEBBRAIO

 

1916

 

La seconda giornata di Briand a Roma. La cordialità dell'accoglienza e il felice risultato del convegno.

 

VENERDÌ

 

11

 

FEBBRAIO

 

1916

 

L'arrivo di Briand a Roma. Le visite e i primi colloqui politici.

 

GIOVEDÌ

 

10

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Briand giungerà stamane a Roma accompagnato dal Sottosegretario alle munizioni.

 

MERCOLEDÌ

 

9

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Il Presidente del Consiglio francese lascia oggi Parigi per l'Italia.

 

MARTEDÌ

 

8

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Azioni di artiglieria sull'Isonzo Ardita impresa di un aviatore.

 

LUNEDÌ

 

7

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Piccole azioni sui vari fronti. L'offensiva contro Salonicco imminente.

 

DOMENICA

 

6

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Attacchi nemici respinti presso Tolmino e sul Podgora. Dichiarazioni di guerra ad oltranza del nuovo Primo Ministro russo.

 

SABATO

 

5

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Violento attacco nemico respinto sul Col di Lana. Uno "Zeppelin" precipitato nel Mare del Nord.

 

VENERDÌ

 

4

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Azioni vittoriose dalle nostre fanterie. Il "raid" d'una flottiglia nemica sulla costa abruzzese.

 

GIOVEDÌ

 

3

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Vani attacchi nemici a nord-est di Mori. Successi delle nostre truppe in val Sugana e sul Carso. Imminente offensiva austro- tedesca in Macedonia.

 

MERCOLEDÌ

 

2

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Grande "raid" di una squadriglia di "Zeppelin" sulle coste dell'Inghilterra. Anche Salonicco bombardata da un dirigibile.

 

MARTEDÌ

 

1

 

FEBBRAIO

 

1916

 

Dichiarazioni di Sazonoff alla stampa. Piena fiducia nella vittoria finale "Bisogna rendere la Germania inoffensiva".

 

LUNEDÌ

 

31

 

GENNAIO

 

1916

 

Il "raid" notturno s'uno "Zeppelin" su Parigi. Interi edifici demoliti, 24 morti e 32 feriti.

 

DOMENICA

 

30

 

GENNAIO

 

1916

 

Gli Italiani partecipano a uno sbarco presso Salonicco. Vivace offensiva tedesca nell'Artois. Wilson stabilisce le norme dell'azione dei sottomarini.

 

SABATO

 

29

 

GENNAIO

 

1916

 

L'Italia nella Quadruplice.

 

VENERDÌ

 

28

 

GENNAIO

 

1916

 

L'Italia si manterrà ad ogni costo a Valona. Nuove smentite alla firma della capitolazione.

 

GIOVEDÌ

 

27

 

GENNAIO

 

1916

 

Violenti attacchi nemici arrestati intorno ad Oslavia. I progressi austro-bulgari in Albania e l'azione dell'Intesa.

 

MERCOLEDÌ

 

26

 

GENNAIO

 

1916

 

Due attacchi nemici respinti nella zona di Tolmino. Violenta offensiva tedesca arrestata nel Belgio e in Artois.

 

MARTEDÌ

 

25

 

GENNAIO

 

1916

 

Successi della nostra artiglieria in valle di Sexten e nella zona di Gradisca. Fortunate azioni offensive a nord di Mori.

 

LUNEDÌ

 

24

 

GENNAIO

 

1916

 

Il passaggio per l'Italia di Re Nicola del Montenegro. Tendenziosità austro - tedesche circa gli avvenimenti montenegrini.

 

DOMENICA

 

23

 

GENNAIO

 

1916

 

La nostra azione in Albania e gli intendimenti del Governo. Il Montenegro si accinge ad una resistenza ad oltranza.

 

SABATO

 

22

 

GENNAIO

 

1916

 

Imminente ripresa dell'offensiva austriaca nel settore montenegrino. Il Governo di Re Nicola si trasporta a Lione.

 

VENERDÌ

 

21

 

GENNAIO

 

1916

 

Re Nicola respinge le condizioni dell'Austria ed organizza la nuova difensiva.

 

GIOVEDÌ

 

20

 

GENNAIO

 

1916

 

I negoziati per la resa del Montenegro. Il Re e il Governo montenegrino a Scutari. Grande Consiglio di guerra degli alleati a Londra.

 

MERCOLEDÌ

 

19

 

GENNAIO

 

1916

 

La capitolazione del Montenegro e la sua ripercussione sulla guerra. Il Governo serbo lascia Brindisi per stabilirsi a Corfù.

 

MARTEDÌ

 

18

 

GENNAIO

 

1916

 

Il Montenegro ha chiesto la pace. L'annunzio alle Camere di Berlino e di Vienna.

 

LUNEDÌ

 

17

 

GENNAIO

 

1916

 

Azioni d'artiglieria sul nostro fronte, e accanito combattimento a Oslavia. Gli alleati si consolidano a Salonicco nonostante le proteste greche.

 

DOMENICA

 

16

 

GENNAIO

 

1916

 

La mancata difesa del Lowecen e le responsabilità dell'Italia. Polemiche e commenti della stampa romana.

 

SABATO

 

15

 

GENNAIO

 

1916

 

Cettigne occupata dalle truppe austro - ungariche. Un esploratore austriaco affondato nel basso Adriatico.

 

VENERDÌ

 

14

 

GENNAIO

 

1916

 

S'aggrava la minaccia austriaca su Cettigne. Vivaci duelli d'artiglieria su tutta la nostra fronte. La coscrizione dei celibi approvata in seconda lettura ai Comuni.

 

GIOVEDÌ

 

13

 

GENNAIO

 

1916

 

Lo sgombero del Lowcen e le sue conseguenze. Sintomi di una ripresa dell'azione in Macedonia. Assicurazioni della Quadruplice alla Grecia per lo sbarco a Corfù.

 

MERCOLEDÌ

 

12

 

GENNAIO

 

1916

 

Dolorosi scacchi subiti dai montenegrini. Berane sgombrata dopo mirabile resistenza. Il monte Lowcen espugnato dagli austriaci.

 

MARTEDÌ

 

11

 

GENNAIO

 

1916

 

Tutta la penisola di Gallipoli sgomberata dagli alleati. Violenti attacchi tedeschi arrestati nella Champagne. Continua l'offensiva dei russi - Corazzata inglese affondata.

 

LUNEDÌ

 

10

 

GENNAIO

 

1916

 

Successi russi nell'aspra lotta dal Pripet al confine rumeno. Intensa azione d'artiglieria nel settore di Gorizia. Gli austriaci attaccano furiosamente su tutto il fronte montenegrino.

 

DOMENICA

 

9

 

GENNAIO

 

1916

 

Vivace azione di artiglierie su tutta la nostra fronte. L'offensiva russa e la sua ripercussione sull'azione in Macedonia.

 

SABATO

 

8

 

GENNAIO

 

1916

 

Nuovi progressi verso Riva. Attacchi respinti a Col di Lana. L'offensiva dei russi si sviluppa.

 

VENERDÌ

 

7

 

GENNAIO

 

1916

 

La lotta a nord-est di Czernowitz prosegue violentissima. Oltre 1050 austriaci prigionieri.

 

GIOVEDÌ

 

6

 

GENNAIO

 

1916

 

Fortunato esito dell'offensiva russa. Gli austriaci abbandonano Czernowitz. Attivi duelli d'artiglierie sul fronte francese.

 

MERCOLEDÌ

 

5

 

GENNAIO

 

1916

 

Rappresaglie bulgare contro gli arresti di Salonicco. Un rescritto di Re Pietro al suo popolo - La tenace difesa montenegrina. Lo Czar riconferma il suo proposito per la guerra ad oltranza.

 

MARTEDÌ

 

4

 

GENNAIO

 

1916

 

L'operazione di epurazione degli alleati a Salonicco. L'offensiva russa prosegue in Galizia e in Bucovina. La morte del console americano sul "Persia" confermata da Washington.

 

LUNEDÌ

 

3

 

GENNAIO

 

1916

 

Centinaia di vittime nell'affondamento del "Persia". Re Pietro a Salonicco - L'eroica difesa dei montenegrini decisa offensiva russa dalla Volinia alla frontiera rumena.

 

DOMENICA

 

2

 

GENNAIO

 

1916

 

L'anno s'inizia dovunque tra fermi propositi di guerra e di vittoria. Messaggi di Sovrani ai loro popoli - Un decreto luogotenenziale d'amnistia.

 

SABATO

 

1

 

GENNAIO

 

1916

 

I complici degli Stati nemici arrestati a Salonicco. La protesta degli Imperi centrali ad Atene. Essad pascià avrebbe dichiarato guerra all'Austria.


Informativa sui cookie