Archiweb - Biblioteca dell'Archiginnasio
 
Presentazione | Cronologia | Le dimissioni | La posizione del Partito | Il Movimento Lavoratori Italiani | Risorgimento Socialista | Unione Socialista Indipendente | Le elezioni del 1953 | Le sezioni e i movimenti locali | La fine dei magnacucchi | Bibliografia
 
Clicca per ingrandire
Il "rapporto segreto" letto da Krusciov durante il XX Congresso del PCUS nel gennaio del 1956, fu pubblicato in Occidente per la prima volta negli Stati Uniti in giugno. Seguirono edizioni anche italiane, tra cui, nello stesso anno, quella curata da Pietro Nenni per le Edizioni dell'Avanti.
Rapporto Krusciov. Con note storiche
Copia della relazione manoscritta di Pietro Nenni, segretario del partito, al XXXII congresso del Partito Socialista Italiano La via italiana al socialismo. Tredici tesi programmatiche dell'Unione Socialista Indipendente
L'ultimo articolo a firma Aldo Cucchi apparso su "Risorgimento socialista", il 31 marzo 1956.

Lettera di Valdo Magnani al politico jugoslavo Anton Vratuša, 9 settembre 1961
Lettera di Pietro Nenni a Valdo Magnani del 2 novembre 1961.  
GIUSEPPE PERA
Storia di un tradimento
I Magnacucchi. Valdo Magnani e la ricerca di una sinistra autonoma e democratica (Atti del convegno tenutosi a Reggio Emilia nel 1989)
A cura di GIORGIO BOCCOLARI e LUCIANO CASALI
FRANCA MAGNANI
Una famiglia italiana
"La Repubblica", 5 febbraio 1982
All'indomani della morte di Valdo Magnani, Giampaolo Pansa pubblica l'ultima conversazione avuta con lui pochi giorni prima.

  
 8. LA FINE DEI MAGNACUCCHI

Il 3 febbraio 1957, il II congresso dell'USI deliberò la confluenza nel PSI, che avvenne il 24 marzo, mentre già nel 1956 Aldo Cucchi aveva aderito al PSDI.
Nel 1961 Valdo Magnani, ritenendo superata gran parte dei motivi che nel 1951 l'avevano portato a dimettersi dal PCI, chiese di esservi riammesso. La sua richiesta fu accolta l'anno seguente.

    

Da sinistra: Aldo Cucchi, Mario Pasi, Mario Tobino in divisa durante il corso per allievi ufficiali medici. Diventati amici durante gli anni passati alla Facoltà di Medicina all'Università di Bologna, richiamati allo scoppio della Seconda guerra mondiale come tenenti medici, si ritrovarono poi divisi dalle vicende belliche. Dopo l'8 settembre 1943 furono tutti attivi nella guerra di Liberazione, Cucchi nel bolognese, Pasi nel bellunese e Tobino in Versilia. Pasi fu catturato, torturato per un mese e impiccato dai nazisti.

Nel 1988 Tobino, che affiancò sempre al suo lavoro di psichiatra l'attività di scrittore, pubblicò con Mondadori il romanzo Tre amici, nel quale raccontava la storia della loro amicizia.
Nel romanzo, dove i nomi dei protagonisti sono cambiati (Turri, Campi, Ottaviani), si racconta anche la vicenda dei "magnacucchi". I fatti saranno raccontati da Tobino anche nelle pagine del suo diario note come Diario di Cucchi e Magnani e pubblicate per la prima volta nel 2007 in appendice a Tre amici nell'edizione delle sue opere ne I Meridiani Mondadori.

 
Biblioteca dell'Archiginnasio > Archiweb - Raccolte digitali > Mostre in rete
Credits | Data di creazione: ottobre 2011 | Informativa sui cookie

I testi e le immagini sono riproducibili per uso personale e a scopo didattico e di ricerca, a condizione che venga citata la fonte. Non è consentito alcun uso a scopo commerciale o di lucro.