Il governo di Bologna

Antonio Carranti

 Podestà 
Antonio Carranti Nato: Imola (BO) 6/3/1871
Morto: Bologna 24/4/1930
Mandati: Già vicepodestà, il 22 settembre 1929 ricevette le consegne da Arpinati. Rimase in carica fino alla morte.


Laureato in giurisprudenza presso l'Università di Bologna, fu sindaco di Imola, giovanissimo, dal 1898 al 1901. Dal 1899 al 1914 appartenne alla amministrazione provinciale, presidente della Deputazione provinciale dal 1908 al 1913. Si ritirò quindi dalla vita pubblica, pur partecipando alla vita di associazioni ed enti benefici. Per 3 anni fu presidente del Monte di Pietà di Bologna, dove si era trasferito dal 1889, svolgendo l'attività di avvocato, prima penalista e poi civilista.
Fu molto vicino a Leandro Arpinati, che lo volle accanto come vicepodestà dal 1927 e che lo considerava il suo braccio destro. Con la nomina di Arpinati a sottosegretario di Stato agli interni, venne nominato podestà come richiesto dallo stesso Arpinati.

Fonti bio-bibliografiche:
"Il Comune di Bologna", XVI, settembre 1929, pp. 1-3.
"Il Resto del Carlino", 21 settembre 1929, p. 4.
"Il Comune di Bologna", XVII, aprile 1930, pp. 1-2. e 72-73.
"Il Resto del Carlino", 25 aprile 1930, p. 4.
"Il Resto del Carlino", 26 aprile 1930, p. 4.
"Il Resto del Carlino", 27 aprile 1930, p. 5.

Catalogo Frati - Sorbelli dell'Archiginnasio
freccia Opere su Antonio Carranti

Iconografia
freccia Foto su "Il Comune di Bologna", XIII, febbraio 1927, p. 85

Back to Top