Fondo speciale Maria Sara Goretti

Denominazione fondo: Maria Sara Goretti
ID FONDO: ITBO0304FA39
Livello: Fondo

Date: sec. XIX/fine - 1997, con documenti dal 1793 al 2004

Consistenza: 9 buste, 1 cartella (ml. 1,00)

 
Ritratto di Maria Sara Goretti (BCABo, F.s. Maria Sara Goretti, 5.3)   Autografo di Maria Sara Goretti (BCABo, F.s. Maria Sara Goretti, 8.1.3)

Soggetto/i produttore/i:
Goretti, Maria Sara, 1907-2001

Ambiti e contenuto:
Carte personali, materiali di lavoro, scritti e corrispondenza relativi a Maria Sara Goretti come studiosa ed esperta conoscitrice di Giovanni Battista Vico e Bernard de Mandeville, insegnante attenta ai problemi della didattica e della pedagogia ed esponente della corrente futurista bolognese.

Modalità di acquisizione:
Legato testamentario di Maria Sara Goretti, 2001 (ingresso in Biblioteca nel 2003).

Strumenti di ricerca:
Inventario a stampa: Patrizia Busi, Le carte di Maria Sara Goretti, «L'Archiginnasio», C (2005), pp. 541-566.

Bibliografia:
Pierangelo Bellettini, Relazione del Direttore sull'attività svolta nell'anno 2003, «L'Archiginnasio», XCVI (2003), pp. XVI-XVII; P. Bellettini, Relazione del Direttore sull'attività svolta nell'anno 2004, «L'Archiginnasio», XCIX (2004), p. XXI; Giovanna Delcorno, Maria Sara Goretti, la sua vita, i suoi libri, «L'Archiginnasio», C (2005), pp. 519-540; Patrizia Busi, Le carte di Maria Sara Goretti, «L'Archiginnasio», C (2005), pp. 541-566; P. Bellettini, Relazione del Direttore sull'attività svolta nell'anno 2006, «L'Archiginnasio», CI (2006), p. XXII; Cecilia Bello Minciacchi, Nozze futuriste: amore e guerra in un dattiloscritto inedito di Maria Goretti, «L’Archiginnasio», CIII (2008), pp. 463-474.

Note:
Maria Sara Goretti fu insegnante di filosofia, storia e pedagogia nelle scuole medie superiori, scrittrice e saggista, collaboratrice di riviste e periodici; fu inoltre esponente della corrente futurista bolognese, anche se tra le sue carte rimane ben poca traccia di questa sua attività. Da segnalare è la profonda amicizia che legava la Goretti a Giorgio Tagliacozzo e ad Anselmo Turazza (di quest'ultimo è conservata, in BCABo, la libreria personale, vedi il fondo librario Turazza). Nel fondo sono presenti anche alcuni documenti relativi al padre, Andrea Goretti (1871-1967) e alla madre, Beatrice (1876-1937), figlia di Torello Ancillotti. Quest'ultimo fu pittore apprezzato, ed anche la figlia Beatrice si distinse nelle arti figurative. In BCABo è presente anche la libreria personale di Maria Sara Goretti (fondo librario Goretti), pervenuta con la documentazione archivistica. Maria Sara Goretti fece dono nel 1979 di seicento opere artistiche di Torello e Beatrice Ancillotti alla Galleria d’Arte Moderna di Firenze a Palazzo Pitti (cfr. Maria Goretti, Omaggio a Torello Ancillotti, Bologna, Pizzoli, 1989); fece altresì dono al Corgialenios historical and cultural museum (Argostoli, Cefalonia) di lettere, suppellettili e una ventina di volumi legati a Demetrio Corgialegno (Argostoli, 1785 - Firenze, 1861), suo bisnonno materno. Corgialegno, combattente per l’indipendenza della Grecia al fianco di Byron, nonché fondatore dell'eteria a Corfù e ad Argostoli, ebbe anche il merito di organizzare e sollecitare, tramite le sue conoscenze toscane, il dono di una significativa quantità di volumi da parte del granduca di Toscana Leopoldo II a favore della neonata Università di Atene, negli anni tra il 1838 e il 1842.

Altre informazioni bibliografiche:
Maria Goretti, Percorsi. Schede delle pubblicazioni a firma Maria Goretti o Maria Sara Goretti, Bologna, Pizzoli, s.d.; Torello Ancillotti 1843-1899, presentazione di Marianne W. Martin, apparati filologici di M. Goretti, Firenze, Le Monnier, 1972; Maria Goretti, Microstoria fiorentina, Bologna, Conti, 1986; Maria Goretti, Omaggio a Torello Ancillotti, Bologna, Pizzoli, 1989; Futurismo in Emilia Romagna, a cura di Anna Maria Nalini, Modena, Artioli, 1990, pp. 55-56; Claudia Salaris, Storia del futurismo, Roma, Editori Riuniti, 1992, p. 270.

Redazione e revisione: Patrizia Busi, 2009/04/30, prima redazione; Pierangelo Bellettini e Anna Manfron, 2009/07/31, supervisione; Maria Grazia Bollini e Patrizia Busi, 2010/09/30, revisione; Maria Grazia Bollini, 2011/09/12, aggiornamento e integrazione.